3 SETTEMBRE 1982, GENERALE CARLO ALBERTO DALLA CHIESA

3 SETTEMBRE 1982, GENERALE CARLO ALBERTO DALLA CHIESA

Anche oggi si deroga ancora una volta: non si pubblica alcun documento postale.
E si deroga due volte: di solito, Sfizi.Di.Posta pubblica la mattina, ma stavolta si pubblica la sera, alle 21:15.

Palermo.
Via Isidoro Carini.
Il Prefetto di Palermo e Generale dei Carabinieri Carlo Alberto Dalla Chiesa.
La moglie, Manuela Setti Carraro.
3 settembre 1982.
21:15.
Esattamente 38 anni fa.

L’agente della scorta Domenico Russo morirà dopo 12 giorni di agonia in ospedale.

Il giorno dei funerali, che si svolsero a Palermo il 5 settembre nella Chiesa di San Domenico, la folla inveì, anche con lancio di monetine, contro tutte le figure istituzionali che parteciparono alle esequie, ad eccezione del Presidente Sandro Pertini.
In un’intervista al settimanale Sorrisi e Canzoni di settembre 2007, la figlia Rita dichiarò: «Quando arrivai in Prefettura e vidi sulla bara di mio padre la corona della Regione Sicilia, ebbi un gesto di stizza. Con un colpo violento la scaraventai lontano. Pretesi che sopra alla bara venissero messi il tricolore, la sciabola e il cappello di mio padre».

Le foto che corredano questo contributo hanno dimensione 24 x 18 centimetri, sono stampate su carta fotografica patinata, e vennero diffuse all’epoca da una non ben nota agenzia di stampa francese.

Nella prima immagine, il Generale Dalla Chiesa.
Nella seconda, uno scatto ai funerali: si individuano facilmente il Presidente Sandro Pertini, l’allora Presidente del Consiglio Giovanni Spadolini, Bettino Craxi, Ugo La Malfa, e Gianni De Michelis.
Nella terza, un’istantanea di una grande manifestazione contro la mafia venne organizzata a Palermo da tutte le sigle sindacali, CGIL, CISL e UIL. Al microfono, l’allora Segretario Generale della UIL, Giorgio Benvenuto; sulla sinistra, Rita Dalla Chiesa.

Riproduzione riservata.

Sfizi.di.Posta

I commenti sono chiusi