HO FATTO VARICELLA E ORECCHIONI!

HO FATTO VARICELLA E ORECCHIONI!

Un tempo contrarre una cosiddetta ‘malattia esantematica’ era la normalità, oggi sarebbe ritenuto un evento eccezionale.
Una ‘malattia esantematica’ è una malattia che provoca un ‘esantema’, ovvero il ‘fiorire’ di un’eruzione cutanea che siano macchioline, pustole, vesciche o papule.
Sono malattie esantematiche la rosolia, la varicella, la scarlattina, il morbillo, la quarta, quinta e sesta malattia, il vaiolo, e per associazione anche la parotite (più nota come “orecchioni”) che però non produce esantema.

Oggi per ognuna di queste malattie esistono le vaccinazioni che iniziano già a pochi mesi di vita e terminano a qualche anno.
Ma fino a non molto tempo fa, ad eccezione del vaiolo, non esisteva alcun tipo di vaccinazione, ed era più che naturale che un bambino da scuola tornasse a casa con qualche sorpresina, soprattutto nei mesi invernali.

E’ quanto accadde, evidentemente, a Marina, la bambina protagonista di questa nostra storia.
Siamo a fine marzo 1948, e Marina scrive alla nonna e agli zii. La piccola è stata a riposo per la varicella e gli orecchioni, e soltanto quel giorno si era alzata dal letto. Potrà tornare a scuola solo il 5 aprile perché quando si prendeva una di queste malattie prima di rientrare a scuola occorreva che trascorresse un certo tempo, una sorta di quarantena (nove giorni per la parotite, sette giorni per la varicella).

La calligrafia della bambina è rotonda, ordinata (scrive sul rigo a matita, che poi provvede correttamente a cancellare), è un piacere anche solo osservarla (evito la trascrizione, si legge perfettamente dalla scansione), e inevitabilmente intenerisce il cuore.

Immaginando che Marina all’epoca della cartolina poteva avere all’incirca cinque anni, oggi dovrebbe averne poco meno di ottanta.
Chissà se Marina leggerà mai queste note…

Riproduzione riservata.

I commenti sono chiusi

©2018-2021 Sfizi.Di.Posta - Riproduzione riservata - Tutti i diritti riservati | Privacy | Copyright | WordPress Theme: Chilly